Dettagli articolo

Muore a 20 anni schiacciato da un tronco nell'aretino; a Fondi (LT) operaio ustionato da una scossa elettrica. Ieri altri 3 operai infortunati sul lavoro >>
 
Data: 17/03/2017
 

Un operaio di 20 anni, Gabriele Casi, è morto questa mattina schiacciato dal tronco di un albero che stava tagliando insieme al padre, titolare di una ditta di disboscamento, in una zona impervia di Ponte alla Piera, nel comune di Anghiari (Arezzo). Le condizioni del giovane sono apparse subito gravi. I soccorsi di 118 e i vigili del fuoco sono partiti subito dopo l’allarme lanciato dal padre. Appena individuato il punto esatto dove si trovavano padre e figlio sono stati calati i soccorritori dall’elicottero dei vigili del fuoco giunto sul posto; contemporaneamente è arrivato anche il Pegaso con il 118 ma per Gabriele non c’era più nulla da fare. Il giovane era molto conosciuto a Caprese Michelangelo.

Le indagini dei carabinieri sono in corso.

Un operaio di Fondi (LT), di 54 anni, mentre stava svolgendo lavori di manutenzione a una cabina del Consorzio di Bonifica di Fondi, è stato colpito da una forte scossa elettrica e ha riportato ustioni gravi sul corpo. Ad allertare i soccorsi un collega che stava lavorando insieme a lui. Il ferito è stato affidato alle cure dei sanitari del 118 che hanno disposto per lui il trasferimento all’ospedale Sant’Eugenio di Roma, dove si trova ricoverato in prognosi riservata.

Ancora da chiarire l’esatta dinamica dell’accaduto e le cause che hanno determinato l’incidente.

Un simile incidente sul lavoro si era verificato ieri mattina, giovedì 16 marzo, nell'officina meccanica della Eurofilter, azienda che produce impianti per il trattamento delle acque nella zona industriale di Salvaterra (RE), dove un operaio è rimasto ustionato dopo un principio di incendio, subito spento dagli altri dipendenti.

La vittima è stata trasportata in ospedale con l'elisoccorso, sul posto anche un'automedica di Reggio Emilia, un'ambulanza di Scandiano e i vigili del fuoco di Reggio che hanno messo in sicurezza lo stabilimento. In via dell’Artigianato 9 sono arrivati anche i carabinieri e il personale del servizio Prevenzione e sicurezza sugli ambienti di lavoro dell’Ausl reggiana.

Sempre nella giornata di ieri un altro infortunio verificatosi nella ditta "Nuova Ompi srl" di Piombino Dese (PD) ha colpito un operaio 33enne che si è infortunato al dito rimasto incastrato sotto ad una pressa.

L’uomo è stato portato con urgenza in ospedale dove ha subito la subamputazione del polpastrello del dito medio della mano destra. Sul posto anche i carabinieri e i tecnici dello Spisal.

Ancora ieri, nel primo pomeriggio, un operaio di 27 anni si è ferito gravemente con un coltello mentre stava procedendo alla macellazione dei maiali nello stabilimento Pini Italia (ex Bertana) sulla via Bergamo, a Castelverde (CR).

Sul posto sono immediatamente giunti un'auto medica, un'ambulanza e i carabinieri di Cremona. Il giovane è stato medicato e poi trasportato in codice rosso all'ospedale di Cremona. Ai militari dell'Arma il compito di fare luce sull'accaduto.

 

Indietro

GestCookies