CONCORSO FOTOGRAFICO "LA MIA CITTÀ SOLIDALE"


Per informazioni: tel. 06 54196334 - fax 06 5402248 - comunicazione@anmil.it

Promosso da:

con il Patrocinio di:

 

in collaborazione con:

 

 

 

Durante la serata di premiazione la Giuria ha assegnato i seguenti premi:

  • PREMIO SCATTO SOLIDALE 2015 a Gilberto Maltinti per “A fil di spada”
  • PREMIO BIANCO E NERO SOLIDALE 2015 a Fabiano Meli per “In un gesto tutto il calore”
  • PREMIO COLORE SOLIDALE 2015 a Manuele Malacarne per “Amicizia”
  • PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA a Elena Botta per “Danzando a Colle Oppio”
  • PREMIO ANMIL “LAVORO SICURO SOLIDALE” a Fabiana De Sario per “Brigata Di Cucina”
  

II EDIZIONE 2015

La premiazione e l’esposizione degli scatti vincitori del Concorso 
“la mia città solidale” promosso dalla Fondazione Roma Solidale, Roma Capitale
in collaborazione con l’ANSA e il patrocinio dell’ANMIL

 

Venerdì 5 giugno, ore 19.30 - Roma

 

Si è conclusa la seconda edizione del concorso di fotografia sociale “la mia città solidale”, promosso da ROMA CAPITALE, Assessorato Politiche sociali, salute, casa ed emergenza abitativa e dalla Fondazione Roma Solidale onlus, con il Patrocinio dell’ANMIL, Associazione Nazionale fa Lavoratori Mutilati ed Invalidi del Lavoro e in collaborazione con l’Agenzia giornalistica ANSA. Inoltre, questa seconda edizione si è avvalsa del supporto professionale della nota fotografa Tiziana Luxardo.

Il concorso, giunto alla sua seconda edizione, è nato con lo scopo di svelare e dare rappresentazione artistica alle città “dentro” la città, quelle tante città che abitiamo e “ci abitano” che sanno esprimere diversità e gesti di ordinaria solidarietà: in questo senso, il Concorso si propone di fermare nel tempo storie, persone, vita quotidiana di una città solidale, positiva e vitale, che non si nasconde alle criticità e non nega le emergenze sociali, ma che sa riconoscersi e farsi apprezzare anche nell’altro, nell’altrove, ovunque ci sia una relazione da “sostenere” e su cui richiamare gli sguardi spesso distratti e troppo fugaci per accorgersi di poter essere preziosi anche con piccoli gesti.

Persone, oggetti, luoghi, sono dunque gli spazi dove liberare e generare convivenze e azioni positive in una capitale multitasking, convivenze e azioni da valorizzare attraverso il concorso fotografico, per lasciar emergere e connettere quel capitale di azioni e relazioni che sono la struttura portante e silente della nostra comunità.

 

Nella storica sede della Fondazione Roma Solidale onlus (in Via Borgo Pio n. 10) da Venerdì 5 giugno, alle ore 19.30, saranno esposte le foto più belle selezionate dalla giuria del Concorso “la mia città solidale” presieduta dalla fotografa Tiziana Luxardo e che in tale data saranno premiate per questa seconda edizione che, promossa da ROMA CAPITALE, Assessorato Politiche sociali, salute, casa ed emergenza abitativa e dalla Fondazione Roma Solidale onlus, si è arricchita quest’anno della partnership dell’Agenzia giornalistica ANSA mentre l’ANMIL, Associazione Nazionale fa Lavoratori Mutilati ed Invalidi del Lavoro, ha riconfermato il proprio Patrocinio.

Speciali e assolutamente a tema sono i premi che verranno assegnati alle varie categorie previste nel Bando (Scatto Solidale 2015 - Bianco e Nero Solidale 2015 - Colore Solidale 2015 - Premio Speciale della Giuria e Premio ANMIL “Lavoro sicuro solidale”) e saranno consegnati da diverse autorità.

Il concorso, giunto alla sua seconda edizione, nasce con lo scopo di svelare e dare rappresentazione artistica alle città “dentro” la città, quelle tante città che abitiamo e “ci abitano” che sanno esprimere diversità e gesti di ordinaria solidarietà: in questo senso, il Concorso si propone di fermare nel tempo storie, persone, vita quotidiana di una città solidale, positiva e vitale, che non si nasconde alle criticità e non nega le emergenze sociali, ma che sa riconoscersi e farsi apprezzare anche nell’altro, nell’altrove, ovunque ci sia una relazione da “sostenere” e su cui richiamare gli sguardi spesso distratti e troppo fugaci per accorgersi di poter essere preziosi anche con piccoli gesti.

Persone, oggetti, luoghi, sono dunque gli spazi dove liberare e generare convivenze e azioni positive in una capitale multitasking, convivenze e azioni da valorizzare attraverso il concorso fotografico, per lasciar emergere e connettere quel capitale di azioni e relazioni che sono la struttura portante e silente della nostra comunità.

 

Per informazioni: Fondazione Roma Solidale onlus (Borgo Pio, 10 – 00193 Roma)

Gioia Belardinelli, Area Comunicazione e Relazioni Sociali - Tel. 06.37515922 concorso@fondazioneromasolidale.it - g.belardinelli@fondazioneromasolidale.it

 

 

FONDAZIONE ROMA SOLIDALE

 

Roma Solidale onlus fondazione di partecipazione, ha ridefinito e ampliato nel 2011 la mission a tutte le fragilità sociali, sulla base dell’esperienza maturata quando il suo nome era Fondazione “Handicap Dopo di Noi” onlus della quale il Comune di Roma nel 2005 è stato fondatore promotore. Roma Solidale prosegue dunque lo scopo sociale di sostenere le persone disabili e le famiglie nella ricerca di opportunità di residenziali innovative e si apre al mondo delle vulnerabilità attraverso azioni di sistema.

Negli anni trascorsi – quelli dell’esperienza del “Dopo di noi” – la Fondazione ha operato soprattutto nella direzione del sostegno alle persone disabili per favorirne i processi di autonomia. Tra le esperienze più significative di tale periodo si possono ricordare il centro per il trattamento precoce dell’autismo “Una Breccia nel Muro”, svolto in partenariato con l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù e l’Opera Don Calabria, e le esperienze condotte a favore di persone affette da sindrome di Down, operate in collaborazione con la Fondazione Italiana Verso il Futuro, esperienza tutt’ora in corso.

Oggi il raggio di azione della Fondazione, su mandato di Roma Capitale, è esteso a tutti gli ambiti del welfare. In un contesto altamente complesso come quello attuale, la Fondazione sostiene e sperimenta progetti, costruisce reti, stimola risorse, sviluppa ricerca scientifica e “persegue l’obiettivo di sostenere le persone fragili in situazione di disagio, per il miglioramento della loro qualità di vita a partire dai servizi residenziali o comunque sostitutivi della famiglia rivolti a persone con disabilità fisica, psichica e sensoriale”(art.3, Statuto della Fondazione).

La Fondazione ha sede in Roma e opera prevalentemente nel contesto metropolitano e regionale, promovendo intensi collegamenti con organizzazioni e reti sia nazionali che internazionali, ponendo in essere azioni innovative orientate alla valorizzazione delle risorse materiali e immateriali di persone e organizzazioni, ispirate a una visione sistemica ampia, non imprigionata nel binomio bisogno-prestazione.

La Fondazione Roma Solidale opera come prime mover strategico, motore di relazioni nel sistema e tra i sistemi.

Per questo, l’ambito di azione è multisettoriale e consapevolmente contaminato (contaminante). Lo stile è aperto, partecipato, multistakeholder.