So.Fi.A


Responsabile Dr.a Angela Vetrano - Ufficio I Servizi Istituzionali
e-mail:
studi@anmil.it - tel.06 54196-243/230- fax.06 5402248

Sollievo alle Famiglie degli infortunati ANMILOnlus, realizzato dall’ANMIL e finanziato dal Ministero della Solidarietà Sociale

Negli ultimi anni, è possibile rilevare che molti lavoratori con contratti temporanei, in prevalenza rappresentati da giovani, rischiano infortuni e malattie professionali molto più dei lavoratori “tradizionali”. In particolare tra i lavoratori temporanei i tassi di mortalità e di infortunio sono almeno due, tre volte superiori a quelli dei lavoratori stabili e permanenti, essendo generalizzata la tendenza ad assegnare a questi ultimi i compiti pericolosi, rischiosi o da prestarsi in ambienti insalubri che il personale dell’impresa di norma rifiuterebbe. Si tratta in molti casi di soggetti con una scolarità medio bassa, con una difficoltà di accesso ai servizi informativi volti ad agevolare percorsi di inclusione sociale.
I servizi territoriali spesso non vengono, da questi soggetti e dalle loro famiglie, facilmente utilizzati e non agiscono in termini promozionali e preventivi. Talvolta il contesto familiare allargato fatica nel rispondere all’esigenza di una presa in carico globale e complessa. Da qui l’esigenza di creare interventi trasversali che sappiano mettere in campo risposte univoche di accompagnamento e di sollievo, pur differenziate ed individualizzate, capaci di garantire omogeneità degli interventi centrati sulla persona e non sulle esigenze degli operatori e dei servizi, con un’elevata flessibilità di tipologia, di orari e di personale specializzato.

 

I motivi
Il contesto sopra descritto lascia emergere chiaramente la necessità che ANMIL operi anche e soprattutto in favore della risoluzione di problematiche di disagio familiare in maniera trasversale affinché si innesti un circuito virtuoso a livello locale per individualizzare e mirare gli interventi secondo una lettura capace di andare a rileggere l’individuo, il bisogno in maniera globale per far seguire risposte flessibili ed organizzate. Oggi i diversi contesti territoriali rischiano di essere poco flessibili e parcellizzati nella risposta, lasciando al singolo e alla famiglia, in particolare, tutto il “disagio” derivato dall’evento. Questo si rende ulteriormente problematico in un momento così particolare anche dal punto di vista psicologico ed emotivo che deve fare i conti con l’accettazione dell’evento accaduto.
L’Associazione ANMIL intende svolgere una forte azione di sensibilizzazione, di sostegno e promozione dei diritti, nonché promuovere azioni di accompagnamento e di supporto psicologico per i soggetti che hanno subito un’invalidità, ponendo particolare attenzione alla famiglia. Poco esiste di strutturato, come servizio di supporto diretto a situazioni invalidanti di tipo lavorativo. Si intende inoltre garantire un servizio informativo di bassa soglia per tutte le categorie più difficilmente integrate ed integrabili ponendo attenzione a fasce differenti che partano comunque dai minori coinvolti nel sistema produttivo e che abbiano subito un’invalidità.