Dettagli articolo

Morto durante il turno di lavoro: l’azienda non si ferma per lutto >>
 
Data: 02/07/2018
 

Protesta dei sindacati Filctem-Cgil, Femca-Cisl e Uiltec-Uil contro l'azienda Baldassari cavi elettrici di Lammari nella quale, il 19 giugno è deceduto un dipendente di 47 anni, Alessandro Vornoli, mentre si trovava impegnato in un turno di lavoro notturno. Stando a quanto è stato accertato dall’Asl l’uomo è deceduto a causa di un malore e non per un incidente sul lavoro. A scatenare la rabbia dei sindacati è stato il rifiuto, da parte della società, di sospendere «l’attività lavorativa il 2 luglio al fine di permettere a tutti i lavoratori, colleghi e amici, di partecipare al funerale».

I sindacati infatti, avevano avanzato la richiesta di sospendere l'attività il 21 giugno ma la società, venerdì pomeriggio, riferiscono sempre Cgil, Cisl e Uil, ha risposto negativamente, comunicando la disponibilità a permessi orari individuali e su richiesta dei lavoratori. Ciò «ha reso di fatto impossibile avvisare i lavoratori della possibilità di richiedere un permesso», lamentano i confederali che per domani annunciano presidi ai cancelli della ditta «al fine di informare della possibilità di richiedere un permesso» per partecipare alle esequie di Vornoli, e la richiesta di un incontro alle istituzioni per «valutare la situazione interna alla Baldassari che continua a dimostrare una scarsa attenzione verso la sicurezza sul lavoro: solo nel 2017 - si legge - si sono verificati in azienda oltre 20 infortuni sul lavoro e il 2018 ha, ad oggi, una media di infortuni sul lavoro superiore allo scorso anno». 

«I sindacati - si legge ancora nella nota congiunta - non hanno intenzione di attribuire nessuna responsabilità e attendono la fine delle indagini degli inquirenti ma ritengono il comportamento della Baldassari inaccettabile, come del resto hanno già denunciato essere inaccettabile che le macchine abbiano continuato a produrre la notte in cui è morto il collega Vornoli. Inoltre - concludono - abbiamo deciso di non indire uno sciopero per rispetto verso il defunto e la sua famiglia ma dal giorno successivo richiederemo alle istituzioni preposte un incontro per valutare la situazione alla società Baldassari».

Le esequie di Alessandro Vornoli saranno celebrate lunedì 2 Luglio alle 16 nella chiesa di San Lorenzo Martire a Farneta, paese nel quale la vittima abitava insieme alla famiglia. Il corteo funebre si muoverà dall’obitorio di Lucca nell’ex ospedale di Campo di Marte alle 15.30. 

 

Indietro

GestCookies